//Per organizzare un matrimonio è necessario chiedere un prestito?

Per organizzare un matrimonio è necessario chiedere un prestito?

Per organizzare un matrimonio è necessario chiedere un prestito? Direi di no, non è necessario! Basta usare un po’ di furbizia e buon senso.

Se non si hanno soldi per sposarsi si possono aspettare anni migliori, sperando che la recessione passi, ma se si ha tanta fretta di convolare a nozze a tutti i costi, si possono usare dei piccoli accorgimenti per organizzare un matrimonio decoroso senza troppi sperperi.
I tagli ognuno di noi li effettua dove ritiene opportuno farli. C’è chi decide di non prendere il fotografo e affidarsi a un amico e chi invece non ci rinuncerebbe mai o chi decide di farsi le partecipazioni di matrimonio da solo… e così via.

Comunque, da un’indagine del portale PrestitiSupermarket.it, sembra che sempre più italiani si indebitano pur di sposarsi. La durata dei prestiti, inoltre, si attesta attorno ai 5 anni, per diluire nel tempo la restituzione e ottenere l’impatto minore possibile sul bilancio familiare. Specie nel caso di una famiglia neonata.

A livello regionale, la Campania è in cima alla lista per numero di aspiranti alle “nozze a rate” (circa il 20% del campione), seguita da Lombardia (13%), Sicilia (12%) e Toscana (12%). Una delle città dove ci si indebita di più per sposarsi è Napoli, dove si usa sposarsi con con centinaia di invitati in una location da sogno.
Il consiglio che posso darvi è di non perdere il vero significato del matrimonio, che dovrebbe essere un bel festeggiamento, insieme a parenti e amici, di una nuova unione… tutto il resto è solo un contorno.
Ricordate che esistono tanti siti e blog che danno consigli utili su come risparmiare sul matrimonio, primo tra tutti c’è NozzeFurbe e poi quello di una mia sposina – oculata, come ama definirsi lei -: sposiamocirisparmiando.it.

2018-04-03T14:51:41+00:00 aprile 26th, 2012|Matrimonio|Commenti disabilitati su Per organizzare un matrimonio è necessario chiedere un prestito?

About the Author: